“PERIOD SKINCARE”: sì, parliamo di ciclo e di qualche trucco per la pelle!

“PERIOD SKINCARE”: sì, parliamo di ciclo e di qualche trucco per la pelle!

Avete mai sentito parlare di “period skincare“? Sinceramente, quando ne abbiamo letto le prime volte, abbiamo solo pensato: “ecco, ci mancava anche questa!”. Ma poi ci siamo incuriosite e abbiamo voluto capirne di più perché, di fatto, la base di partenza è oggettiva: la nostra pelle cambia a seconda dei giorni del mese, diventando più o meno luminosa, oleosa, sensibile e/o irritata in base a come estrogeni e progesterone si “dilettano” a fluttuare nel nostro corpo! E allora, visto che siamo ben lontane dall’idea di cambiare mille prodotti durante il mese (va bene prendersi cura della propria pelle, ma impazzire anche no!), abbiamo voluto piuttosto trovare qualche trucco al quale ricorrere quella volta che decidiamo di dedicarci qualche attenzione in più per “rimediare”.

In effetti, se pensiamo che gli estrogeni sono importantissimi per mantenere l’epidermide idratata, morbida e per stimolare la produzione di collagene, capiamo bene che la nostra pelle, nel corso di un mese, ha i suoi buoni motivi per sembrare Dottor Jeckil e Mister Hyde: uniforme e radiosa in alcuni giorni, più grassa e soggetta a piccoli fastidi in altri.

Quando il livello di estrogeni cambia, cambia anche il suo aspetto (così come il nostro umore!).

Non a tutte succede e, comunque, non nello stesso modo ma per chi ne avesse bisogno, ecco come funziona il valzer degli ormoni e cosa si può fare. In rete troverete moltissimi articoli di approfondimento: qui una sintesi che speriamo possa esservi utile 😉

 

LA PRIMA META’ DEL MESE

E’ la fase “allegria” 😊, che va dalla fine del ciclo all’ovulazione. Gli estrogeni aumentano e la nostra pelle festeggia: vitale, uniforme, radiosa (come il nostro umore: chi risente degli sbalzi ormonali sa cosa intendiamo e diversi mariti/compagni/amici/amiche potrebbero confermare 😉). In questi giorni possiamo ritenerci già soddisfatte e vivere di rendita oppure, se vogliamo cavalcare l’onda (e li usiamo già), possiamo potenziare l’effetto naturale privilegiando, la sera, la Vitamina C per migliorare ancora di più l’uniformità del viso o usando prodotti ricchi di acido ialuronico (è uno di quegli ingredienti “mai più senza” – leggete qui il perché 😉). Se volete un vero e proprio boost di acido ialuronico, provate le fiale 7Days Elixir-Ialudrop: un vero e proprio trattamento d’urto, di una settimana, ad azione idratante, liftante e antiage. Veloce, comodo e super efficace!

LA SECONDA META’ DEL MESE

E’ la fase “calante”, che va dall’ovulazione al ciclo. Gli estrogeni iniziano a calare e sale il progesterone che stimola le ghiandole sebacee. Risultato? Pelle più oleosa e mista (soprattutto nella zona T) e possono venire a salutarci piccole imperfezioni (alisa brufoli e arrossamenti). Le maschere in argilla ci possono aiutare così come anche una buona detersione, efficace ma delicata (che lasci la pelle ben idratata) unita ad una leggera esfoliazione. Uno scrub, non aggressivo, può dare una mano a controllare l’eccesso di sebo.

CI SIAMO!

Eccoci qua: umore nero, ciclo e pelle meno oleosa ma più opaca (perché il progesterone cala) e, come se non bastasse, più sensibile, secca e irritabile perché il livello di estrogeni non è ancora alto. E’ il nostro amico “ciclo”. In questo caso una bella maschera lenitiva, a base di aloe, camomilla o altri ingredienti calmanti, può esserci d’aiuto per rafforzare la barriera cutanea mentre i prodotti a base di Vitamina C ci possono aiutare a ridurre i segni di brufoli e a rendere la pelle più luminosa. In questi giorni una Brilliant Mask non ce la toglie nessuno: un bel rinforzo di Vitamina C e un concentrato di attivi dalle proprietà antiossidanti, depigmentanti ed elasticizzanti. Così spazziamo via il colorito opaco e ci regaliamo un po’ di luminosità che fa bene anche al nostro umore 😉

Tutto questo per dire: noi donne siamo macchine complesse, i nostri ormoni (e lo sappiamo bene!) suonano diverse melodie (più o meno gradevoli), ogni mese e nel corso del tempo, quindi…quindi basta farsene una ragione e armarsi (se e quando ne abbiamo tempo e voglia) di qualche asso nella manica da giocare al momento giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

TO TOP